free site design templates

20 Storie
Marche

Nati per Leggere Marche

“Il Vento dei Venti: il viaggio della farfalla”

Dopo la permanenza in Lombardia, la nostra Farfallina ha bisogno di un po’ di mare e colline e decide così di fare visita agli amici della regione Marche. Si ferma subito a Fano, la città del carnevale più antico d’Italia. Sono ormai 10 anni che Nati per Leggere è attivo nella città marchigiana che, per festeggiare questo traguardo, ha scelto di donare un kit* a tutti i bambini tra 0 e 2 anni che i genitori iscriveranno in biblioteca. Il regalo contiene 1 libro, 2 bibliografie, i programmi di letture dedicati alle famiglie, la brochure con gli orari delle biblioteche e una lettera del Sindaco che, rivolgendosi ai bambini e alle bambine e ai loro genitori, spiega il significato di questo gesto.



A questo kit si affianca anche il dono del libro “Guarda che faccia!” che i pediatri regalano ai nuovi nati, grazie al coordinamento e la collaborazione di Asur 1 e della FIMP, e al finanziamento della Regione Marche, che ha ripreso questa importante iniziativa per estenderla a tutto il territorio regionale. In questi 10 anni a Fano, sono stati raggiunti circa 7000 bambini e le loro famiglie, tramite molte attività, incontri in biblioteca, in spiaggia, presso i centri vaccinali, i consultori, gli ambulatori pediatri e la pediatria ospedaliera. Grazie all’impegno e al tempo dei volontari NpL Marche, le storie sono arrivate anche nelle case protette e, in rete con i Servizi educativi e al contributo dell’Associazione Il Drago Fanfarone, è stato avviato il progetto “Le valigie delle storie”. Otto valigie in legno si spostano di scuola in scuola (comunali e statali) e sono lo spunto per le educatrici e le insegnanti per creare dei momenti di lettura che coinvolgono le famiglie.


Sempre nella provincia di Pesaro e Urbino, ci sono due territori che accolgono libri e autori. In questi anni, nel territorio di Vallefoglia e Tavullia, grazie al personale bibliotecario e ai volontari, le storie sono state protagoniste al Castello di Tavullia e in occasione della Mostra del Libro per Ragazzi di Vallefoglia, giunta alla sua 42° edizione.


La Farfallina si lascia trasportare dal vento, dallo stesso vento che soffia su questi vent’anni di Nati per Leggere, fino alla provincia di Macerata, dove la aspetta un mare di pancioni: pance come angurie, come enormi palloncini, tonde come lune piene! Infatti il reparto ostetrico trabocca di pance felici. Stanno festeggiando. I raggi del sole attraversano le enormi finestre e sanno di pura gioia. Quasi non si sente l’odore d’ospedale e disinfettante. Nessuno pensa oggi ad ecografie ed analisi del sangue. È la festa della mamma -beati pancioni, radianti di vita nuova- in collaborazione con le ostetriche e i dottori, le volontarie NpL si sono inventate un evento per fare onore a questi piccolini e piccoline che arriveranno freschi freschi al mondo tra qualche giorno o settimana. Le storie sconfinano nei corridoi e si adagiano, come neonati sereni, nelle minuscole culle, disegnano un percorso accattivante, dalle prime filastrocche da leggere durante l'attesa ai libri d’immagini -bianco, nero, rosso-, le prime storie che attireranno l’attenzione dei bambini di pochi mesi. In una stanza, sedute in cerchio, le future mamme ascoltano le ninne nanne di tutto il mondo aspettando anche i futuri Nati per la Musica. Farfallina è attirata da una giovanissima coppia che sembra appena capire l’italiano, lei dondola la pancia e sorride mentre sfoglia le pagine cartonate di un libro e lui chiede consigli su libri nella sua lingua.


I volontari sono entrati in ospedale insieme alle ostetriche e, tra qualche giorno, troveranno gli stessi pancioni in biblioteca. Una delle sessioni del corso di preparazione alla nascita, infatti, si svolge tra gli scaffali bassi e multicolori della sala per bambini della Biblioteca Comunale Mozzi Borgetti. Sostenere la genitorialità significa offrire informazioni corrette ed emozioni rintracciabili nella propria storia spostando costantemente lo sguardo dal bambino a noi e viceversa, per trovarci, ritrovarci e riscoprirci. Sostenere la genitorialità, con queste azioni, significa dotare i genitori di strumenti per farli diventare più consapevoli e protagonisti del benessere dei propri figli.


Sarà per questa consapevolezza che in provincia di Macerata le stesse mamme e papà, mese dopo mese, si ritrovano sul "tappeto di libri del lunedì" e durante "i sabati speciali con Nati per la Musica e Nati per Leggere" e ancora con nuove famiglie negli ambulatori pediatrici dove "Ci leggiamo dal dottore".


E sarà che questa consapevolezza crea una rete utile di appoggio.


E ora Farfallina si sposta un po’ e si avvicina alle case famiglia, alle comunità per minori e famiglie in difficoltà: magari per queste persone appena arrivate in Italia, per queste mamme sole e con poche risorse i libri sembrano un bisogno secondario. Nati per Leggere Marche, semina lo stesso: pensa alle letture come vitamine che aiutano a crescere e ad affrontare le difficoltà.


Se cambiamo l’inizio della storia, tutta la storia potrebbe cambiare e non è mai troppo tardi per ricominciare da capo con il verso giusto.


Vede i volontari incontrarsi con gli operatori, organizzare corsi e momenti di condivisione e fare crescere in queste strutture delle piccole biblioteche nuove, Punti Lettura forniti d’ispirazione che possano innaffiare la fame di poesia e meraviglia. Leggono all’aperto, i genitori sono curiosi, dotano i bimbi di passaporti di lettori e lettrici, prestano dei libri e creano una rete con la Biblioteca. Sperano di cambiare la storia, sì. Anche quando c'è tanta fatica, poche speranze, pochissimi aiuti.


Poi arriva l'inaspettato, il miracolo che svolta la traiettoria.


Una mamma ospite in una comunità scrive: "Da quando ci sono i libri, c'è cambiata la vita qui in comunità. Ora leggere coi bambini la sera è un rito atteso e amato fortemente dai bambini. Altro che televisione! Anche le mamme più diffidenti e distratte si stanno avvicinando, e alcune scoprono altri figli, altre relazioni con loro, altre possibilità. Si sentono capaci di essere madri, così come mi sento io. Grazie a Nati per Leggere, grazie a voi!"


Ecco il miracolo: “Spesso la gente vede soltanto il pentolino che trasciniamo dappertutto... e lo trova strano (...). Fortunatamente esistono persone straordinarie, basta incontrarne una”. Spiega Isabelle Carrier ne “Il pentolino di Antonino”.


Per questo la rete cresce ancora con Qui Si Cresce. Si sono spostati tutti ai giardini di Villa Cozza, dove accanto al meraviglioso parco secolare c'è la casa di riposo per la terza età; un'enorme quercia protegge da un sole un po' nostalgico che evoca ricordi e malinconie. Qui si ricorda, qui si rivede... e qui si gioca, si corre, si cresce, si costruisce.


Come il piccolo ragnetto che tesse e tace nel libro di Eric Carle, insieme ad una rete che avvolge tutta la società civile, il mondo della scuola e dell'educazione, l'università e anche l’amministrazione comunale di Macerata, è nato proprio qua, un asilo nido molto speciale con un nuovo Punto Lettura NpL aperto a tutta la comunità. Uno spazio d'incontro per le famiglie con spazi di autogestione dei genitori e di figure educative, ad accesso libero e gratuito, per offrire un servizio a tutti quei bambini e bambine rimasti fuori dai servizi nido o impossibilitati ad accedervi.


Senti che bel vento tira dalle nostre parti. Senti? Siamo noi che non smettiamo di soffiare.


Buon compleanno Nati per Leggere!


* Iniziativa realizzata grazie alla collaborazione del Comune di Fano con la Mediateca Montanari, grazie alla Fondazione Montanari, a una donazione liberale di un’azienda locale nell’ambito di art bonus e al contributo dell’Associazione Amici delle Biblioteche di Fano.